Benvenuti in WIKISOURCE, la biblioteca libera con 126 895 pagine di contenuto!
Se vuoi iscriviti e impara cosa aggiungere qui. Rispetta le nostre linee di condotta.
Domanda liberamente al Bar o sperimenta nella pagina delle prove.

Qualità dei testi: Riletti   Formattati   Completi   Incompleti

FAQ • Guida essenziale • Avvertenze generali • Manuale di Wikisource • Guida alla comunità • Progetti • Portali • Donazioni
Videoguida di Wikisource
Testo in evidenza

   Fior di Sardegna   di Grazia Deledda (1917)

Siamo in Sardegna, nella parte montuosa della Sardegna, in una piccola città che ci contenteremo di chiamare solo X***, benchè nella carta sia segnata con un nome assai sonoro e lungo. X*** possiede la sua brava passeggiata, le sue piazze, esenti ancora di fontane di marmo, e di statue, i suoi caffè splendidissimi, il suo «club», e qualche volta anche, a intervalli di due o tre anni, si permette il lusso del teatro: tutto ciò però non impedisce che vi si tragga la vita più noiosa di questo mondo, sicchè la più piccola novità basta per mettere in fermento gli abitanti pacifici e poco interessati nelle gravi questioni d’oltre monti e d’oltre mari. Ai primi dell’anno 1881, la novità più saliente, la novità che più dava di che pensare e di che dire nei crocchi, nei caffè, nelle conversazioni private di X*** era una palazzina misteriosa che da circa due mesi stavasi fabbricando all’estremità nord della città, vicino alla casa di don Salvatore Mannu, ch’era l’ultima di X***, una palazzina bianca, elegante, dai balconi di ferro verniciati a rosso, circondata da uno spazio destinato a giardino. Gli studenti, che poco più o meno s’intendevano tutti di francese, dicevano che quella casina di uno stile mai più conosciuto in X***, le cui case erano tutte disadorne e ineleganti al di fuori — allora — era uno «chalet», e che probabilmente lo faceva costruire qualche ricco per venirsene in Sardegna nella bella stagione, — qualche inglese, ben sottinteso, molto eccentrico ed originale, dal punto che sceglieva la Sardegna per luogo di villeggiatura...
Biblioteca

Indici per autori

Alfabetico · Cronologico · Tematico

Indici per testi

Alfabetico · Cronologico · Tematico · Per SAL (?)

Arte

Architettura · Letteratura (Poesie, Racconti‎, Romanzi) · Musica · Pittura · Scultura · Teatro

Scienze matematiche, fisiche e naturali

Astronomia · Biologia · Fisica · Matematica

Scienze umane e sociali

Diritto · Economia · Educazione · Filosofia · Geografia · Psicologia · Sociologia · Storia

Società

Biografie · Politica · Religione

Tecnologia e scienze applicate

Agricoltura · Informatica · Medicina · Ingegneria · Trasporti (Ferrovie)

Proposte
Ti interessa un testo, ma non è presente su Wikisource?
Suggeriscici un libro!
Il canone della letteratura italiana:
per farsi un'idea della biblioteca che vogliamo costruire.

Ricorda che ospitiamo solo libri in pubblico dominio, cioè di autori morti da almeno 70 anni.

Citazioni
I libri ci offrono un godimento molto profondo, ci parlano, ci danno consigli e ci si congiungono, vorrei dire, di una loro viva e penetrante familiarità.

Francesco Petrarca, Epistole familiari

Altre citazioni di Francesco Petrarca su Wikiquote

Rilettura del mese: Speciale MORO



Aiuta Wikisource!
È sufficiente saper leggere

La collaborazione del mese propone la rilettura de Le lettere di Aldo Moro dalla prigionia alla storia a cura di Michele Di Sivo.La metà del mondo vista da un'automobileaprile 2018

In alternativa scegli pure un testo a piacimento da quelli solo da rileggere, o se ti senti più esperto quelli anche da formattare! Qui c'è l'elenco completo.

(Serve un aiutino?)
v · mRicorrenze
Oltre Wikisource

Clicca sui logo per conoscere gli altri progetti liberi della Wikimedia Foundation.

           
         

This article is issued from Wikisource. The text is licensed under Creative Commons - Attribution - Sharealike. Additional terms may apply for the media files.