Tumescenza clitorale notturna

La tumescenza clitorale notturna (NCT) è un'erezione spontanea della clitoride nelle donne durante il sonno o durante il risveglio. Simile al processo che avviene nei maschi, durante la tumescenza notturna del pene, anche le donne sperimentano la tumescenza del clitoride o la dilatazione della vagina, soprattutto durante la fase di sonno REM.[1] A questo fenomeno si accompagnano anche dilatazione delle grandi e piccole labbra, nonché un incremento delle contrazioni uterine dovuto a un maggiore afflusso di sangue nei genitali femminili. L'origine e la spiegazione di questi fenomeni non è chiara, ma si ipotizza che sia dovuto alla necessità di attivare il ricircolo sanguigno nelle zone genitali con un maggiore apporto di ossigeno onde evitare danni o patologie agli organi riproduttori.[2]

Note

  1. (EN) Psychiatry, Lippincott, 1994, ISBN 9780397506866. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  2. Blackledge, p. 184

Voci correlate

Collegamenti esterni

  • Livio Zanoio; Eliana Barcellona; Gabrio Zacché (a cura di), Ginecologia e ostetricia, Elsevier Health Sciences, 2013.
  • Catherine Blackledge, Storia di V. Biografia del sesso femminile, Il Saggiatore, 2008, ISBN 9788856500684.
  • http://www.cifs.it/sessualita_problemidonna.html
This article is issued from Wikipedia. The text is licensed under Creative Commons - Attribution - Sharealike. Additional terms may apply for the media files.