Sindrome amotivazionale

La sindrome amotivazionale è una condizione psicologica associata ad una riduzione delle attività sociali nell'individuo, con manifestazioni di apatia causate da eventi, situazioni, sostanze (o la mancanza di esse), relazioni o altre cause esterne.

Alcuni hanno affermato che l'assunzione cronica di cannabis sia causa di sindrome amotivazionale in alcuni individui, studi empirici appoggiati dall'organizzazione mondiale della sanità suggeriscono che di per sè non esista una "sindrome amotivazionale".

Uno studio effettuato dai ricercatori Barnwell, Earleywine e Wilcox[1] evidenzia come la cannabis non sia causa di insorgenza della sindrome amotivazionale. Infatti nello studio non sono state viste differenze significative nella motivazione (misurata tramite la Apathy Evaluation Scale[2]) tra gli assuntori e i non-assuntori di cannabis. Tuttavia tale studio non delinea risultati definitivi, dal momento che altri studi riportano dati opposti e che tali risultati andranno confermati indagini più ampie ed a più lungo termine.

La sindrome amotivazionale, può svilupparsi anche a seguito dell'assunzione di sostanze psicoattive come l'ecstasy o durante il trattamento con alcuni antidepressivi come gli SSRI/SNRI (talvolta può persistere anche dopo la sospensione dando origine alla sindrome post-SSRI).

Note

  1. Barnwell, in S. S., Earleywine, M. & Wilcox, R. 2006. "Cannabis, motivation, and life satisfaction in an internet sample," Substance Abuse Treatment, Prevention, and Policy, 1(2). Via NCBI PubMed.
  2. Marin RS., Apathy and related disorders of diminished motivation. American Psychiatric Press Review of Psychiatry. 1996;15:205–242.

Voci correlate

Altri progetti

This article is issued from Wikipedia. The text is licensed under Creative Commons - Attribution - Sharealike. Additional terms may apply for the media files.