Pirosi

Pirosi
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM787.1
ICD-10R12
MeSHD006356
MedlinePlus003114

La pirosi, definita anche bruciore retrosternale, è un sintomo dolorifico urente localizzato posteriormente allo sterno, che può indicare una disfunzione dell'apparato digerente, in particolare dello stomaco.

Clinica

I pazienti affetti da questo disturbo riferiscono varie sensazioni quali un senso diffuso di bruciore allo stomaco che si propaga all'esofago e alla faringe e un gusto acre, accompagnati da scialorrea ed eventuale reflusso liquido.

Eziologia

La pirosi può insorgere spontaneamente o in seguito all'ingestione di alimenti irritanti o di farmaci particolari.

Se la pirosi è secondaria a malattie come l'esofagite da reflusso in genere compare quotidianamente e qualsiasi fattore in grado di facilitare il reflusso, come per esempio chinarsi in avanti, determina la comparsa del disturbo. Ostacoli allo svuotamento gastrico e il decubito notturno possono aumentare la pirosi.

Spesso invece il bruciore rappresenta il sintomo di una lieve maldigestione, tale da non richiedere nessun tipo di accertamento, indispensabile negli altri casi nei quali l'origine scatenante è una patologia.

Trattamento

L'assunzione di farmaci ad azione antiacida allevia il fastidio determinato dalla pirosi; fra questi, gli inibitori della pompa protonica, in particolare il pantoprazolo, che bloccano la produzione di acido cloridrico nello stomaco, portando un sollievo prolungato dal bruciore.

Bibliografia

  • Renzo Dionigi, Chirurgia basi teoriche e Chirurgia generale, Milano, Elsevier-Masson, 2006, ISBN 978-88-214-2912-5.

Altri progetti

This article is issued from Wikipedia. The text is licensed under Creative Commons - Attribution - Sharealike. Additional terms may apply for the media files.