Pentetrazolo

Pentetrazolo
Struttura chimica del pentetrazolo
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC6H10N4
Massa molecolare (u)138.171 g/mol
Numero CAS54-95-5
Numero EINECS200-219-3
Codice ATCR07AB03
PubChem5917
SMILES
C12=NN=N [N]1CCCCC2
Indicazioni di sicurezza

Il pentetrazolo, conosciuto anche come pentilenetetrazolo, metrazolo e pentametilenetetrazolo, è un farmaco che è stato utilizzato come stimolante circolatorio e respiratorio. Alti dosaggi possono causare, come scoperto da Ladislas Meduna nel 1934, attacchi convulsivi.

La FDA ne ha revocato l'autorizzazione al commercio nel 1982[1], ma è tuttora in commercio in Italia[2] con il nome di Cardiazol Paracodina.

Meccanismo di funzionamento

Il pentetrazolo è considerato un GABA antagonista, sebbene il reale meccanismo d'azione non sia ben conosciuto, in particolar modo per quanto riguarda l'attività scatenante le convulsioni. Un meccanismo conosciuto e dimostrato con esperimenti di elettrofisiologia, evidenzia che il pentetrazolo agisce sulle membrane cellulari degli assoni incrementando la permeabilità al potassio.

Usi

Il pentetrazolo sfrutta l'azione stimolante a livello del sistema nervoso centrale, per stimolare il centro del respiro, per attivare le vie vagali e vasomotrici del cervello. In geriatria era utilizzato per aumentare il flusso sanguigno cerebrale, possedendo proprietà analettiche. Viene ancora utilizzato in Italia anche in preparazioni antitussive, assieme a sedativi della tosse, ma a causa degli attacchi convulsivi che provoca è oramai sostituito quasi del tutto.

Note

  1. JR Minkel, Drug May Counteract Down Syndrome, Scientific American, 25 febbraio 2007. URL consultato il 20 marzo 2007 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2007).
  2. Cardiazol-Paracodina
This article is issued from Wikipedia. The text is licensed under Creative Commons - Attribution - Sharealike. Additional terms may apply for the media files.