Mebidrolina

Mebidrolina
Nome IUPAC
5-benzil-2-metil-2,3,4,5-tetraidro-1H-pyrido[4,3-b]indole
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC19H20N2
Massa molecolare (u)276,376 g/mol
Numero CAS524-81-2
Numero EINECS208-364-4
Codice ATCR06AX15
PubChem22530
SMILES
CN1CCC2=C(C1)C3=CC=CC=C3N2CC4=CC=CC=C4
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Orale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilitàcirca 100%
MetabolismoEpatico
Emivita4-4,5 ore
Indicazioni di sicurezza

La mebidrolina, spesso commercializzata come sale mebidrolina napadisilato è un derivato dell'etilendiamina, un antagonista dei recettori H1 dell'istamina con proprietà antimuscariniche e sedative centrali.[1]

Farmacocinetica

Dopo somministrazione per via orale mebidrolina è assorbita lentamente, ma completamente, dal tratto gastroenterico. La concentrazione plasmtica di picco (Cmax) è raggiunta entro 2-4 ore (Tmax) dopo l'assunzione. L'emivita plasmatica del composto si aggira intorno a 4-4,5 ore. La mebidrolina viene ampiamente metabolizzata a livello del fegato. Il farmaco viene eliminato attraverso l'emuntorio renale e solo piccole quantità di composto immodificato (meno dell'1%) possono essere dosate nelle urine. È probabile che il farmaco, come anche altri antistaminici, sia secreto nel latte materno umano e possa oltrepassare la barriera placentare.

Tossicologia

Studi sperimentali su animali (topo e ratto) hanno permesso di calcolare valori di DL50 pari a 6 g/kg peso corporeo (quando somministrata per os) e di 300 mg/kg peso corporeo (quando somministrata per via endovenosa).

Usi clinici

La mebidrolina è impiegata nel trattamento sintomatico di manifestazioni di ipersensibilità come l'orticaria e l'angioedema. Comune è anche il suo utilizzo in caso di rinite vasomotoria, rinite cronica e stagionale, congiuntivite primaverile allergica, febbre da fieno, dermatite che si associa a prurito cutaneo, eczema.[2]

Effetti collaterali e indesiderati

Gli effetti collaterali sono quelli comuni agli altri antistaminici H1. Tali effetti comprendono disturbi del sistema nervoso centrale (SNC) e segnatamente sedazione, sonnolenza, vertigini, incoordinazione muscolare, stanchezza, ipotensione arteriosa, difficoltà di concentrazione, eccitazione paradossa nei bambini). Relativamente frequenti anche gli effetti antimuscarinici (xerostomia, visione offuscata, ritenzione urinaria) e i disturbi gastrointestinali: anoressia, dispepsia, nausea, vomito, dolore addominale, diarrea.
In alcuni pazienti sono state riportate granulocitopenia, agranulocitosi,[3][4] trombocitopenia e reazioni allergiche e pustolari cutanee,[5][6] tinnito ed acufeni.

Controindicazioni

Il farmaco è controindicato nei soggetti con ipersensibilità individuale accertata verso il principio attivo oppure uno qualsiasi degli eccipienti contenuti nella formulazione farmacologica. Mebidrolina inoltre non dovrebbe essere somministrata nei pazienti affetti da glaucoma ad angolo chiuso, ipertrofia prostatica, ritenzione urinaria, ostruzione piloro-duodenale, epilessia, gravi disturbi cardiovascolari, negli anziani e nei neonati.
Poiché il farmaco può causare sedazione e sonnolenza se ne sconsiglia l'uso a coloro che conducono veicoli a motore o che svolgono attività che richiedono vigilanza e concentrazione.[7]

Dosi terapeutiche

Negli adulti la dose consigliata di mebidrolina è pari a 50–100 mg (espressi come base ed equivalenti a 1-2 compresse), per 3 volte al giorno. Il farmaco può essere ingerito durante un pasto, oppure immediatamente dopo essersi alimentati.

Sovradosaggio

In caso di grave intossicazione acuta si possono osservare sia effetti di tipo depressivo (sedazione, apnea, torpore psichico e confusione mentale, collasso cardiocircolatorio) che stimolante (insonnia, tremore, allucinazioni, convulsioni) il sistema nervoso centrale.
Il trattamento deve essere istituito prima possibile e prevede lo svuotamento gastrico mediante aspirazione e lavanda gastrica. I metodi di tipo farmacologico, ovvero il ricorso ad emetici, quali lo sciroppo di ipecacuana sono da proscrivere.
Le convulsioni, che si possono manifestare soprattutto in età pediatrica, vengono controllate ricorrendo alla infusione endovenosa (e nel bambino alla somministrazione per via rettale) di diazepam. Non esistono antidoti specifici, pertanto il trattamento è sostanzialmente sintomatico e di supporto delle funzioni vitali, prevedendo la possibilità di ricorrere alla ventilazione artificiale, al raffreddamento esterno in caso di iperpiressia, alla somministrazione di liquidi (soluzione fisiologica, ringer-lattato ed altri) per via endovenosa e di vasopressori come noradrenalina o fenilefrina.

Interazioni

Note

  1. J. Waitzinger, H. Lenders; G. Pabst; C. Reh; E. Ulbrich, Three explorative studies on the efficacy of the antihistamine mebhydroline (Omeril)., in Int J Clin Pharmacol Ther, vol. 33, nº 7, Lug 1995, pp. 373-83, PMID 7582391.
  2. K. Yamamoto, K. Kinoshita; S. Murota, [Successful experiences in use of Mebhydrolin (Incidal) tablets in various dermatologic diseases]., in Hifuka Kiyo, vol. 64, nº 1, Feb 1969, pp. 39-45, PMID 4390241.
  3. GA. Young, P. Forrest; SF. Deveridge; RB. Gates; PC. Vincent, Mebhydrolin induced agranulocytosis., in Aust N Z J Med, vol. 12, nº 2, Apr 1982, pp. 173-6, PMID 6807274.
  4. Y. Edoute, A. Nagler; B. Brenner, [Agranulocytosis associated with mebhydrolin napadisylate (Incidal)]., in Harefuah, vol. 106, nº 5, Mar 1984, pp. 208-9, PMID 6724409.
  5. KE. McKenna, JC. McMillan, Exacerbation of psoriasis, liver dysfunction and thrombocytopenia associated with mebhydrolin., in Clin Exp Dermatol, vol. 18, nº 2, Mar 1993, pp. 131-2, PMID 8097681.
  6. K. Kulthanan, P. Tiprungkorn; R. Linpiyawan, Cutaneous reaction to oral antihistamine., in Clin Exp Dermatol, vol. 28, nº 2, Mar 2003, pp. 229-30, PMID 12653725.
  7. JJ. de Gier, Driving tests with patients., in Br J Clin Pharmacol, 18 Suppl 1, 1984, pp. 103S-108S, PMID 6151846.
  8. HM. Franks, M. Lawrie; VV. Schabinsky; GA. Starmer; RK. Teo, Interaction between ethanol and antihistamines: 3. mebhydrolin., in Med J Aust, vol. 2, nº 9, Ott 1981, pp. 477-9, PMID 6119605.
  9. SM. Zimatkin, OV. Anichtchik, Alcohol-histamine interactions., in Alcohol Alcohol, vol. 34, nº 2, pp. 141-7, PMID 10344773.

Letteratura

W. Muller-Limmroth, H. Krueger, Clin. Ther. 1, 219, 1977; J. McEwan, W.J. Strickland, ibid. 2, 523, 1982.

This article is issued from Wikipedia. The text is licensed under Creative Commons - Attribution - Sharealike. Additional terms may apply for the media files.