Benvenuti su Wikipedia
L'enciclopedia libera e collaborativa
1 382 331 voci in italiano

Versione per dispositivi mobili

Sfoglia l'indice   Consulta il sommario   Naviga tra i portali tematici

Vetrina

Il Partito Comunista dell'Unione Sovietica, noto anche con l'acronimo PCUS (in russo: Коммунистическая Партия Советского Союза, КПСС?, traslitterato: Kommunističeskaja Partija Sovetskogo Sojuza, KPSS) è stato un partito politico di orientamento marxista.

Nato come corrente bolscevica del Partito Operaio Socialdemocratico Russo nel 1903, si sviluppò successivamente come partito autonomo e fu protagonista dei moti rivoluzionari che interessarono l'Impero Russo nella prima parte del XX secolo, fino a guidare con successo la Rivoluzione d'ottobre del 1917, a seguitò della quale avviò la trasformazione della Russia in uno Stato socialista e diede vita all'Unione Sovietica (dicembre 1922).

Considerandosi avanguardia del proletariato nella fase transitoria di costruzione del socialismo prima e del comunismo poi, il partito rivestì il ruolo di guida del Paese, all'interno della base teorica costituita dall'ideologia marxista-leninista, vista come fondamento scientifico della trasformazione rivoluzionaria della società. Fu inoltre punto di riferimento del movimento socialista mondiale nell'ambito dell'Internazionale Comunista (1919-1943) e, dopo la vittoria nella seconda guerra mondiale, nel contesto della Guerra fredda.

Il ruolo centrale del partito nella politica dell'URSS venne esplicitato nella Costituzione sovietica del 1936 e, in modo ancora più netto, in quella del 1977, che pose la descrizione della funzione dirigente del PCUS tra i principi fondamentali. Il partito perse il monopolio del potere politico nel 1990, durante il periodo della perestrojka, quando vennero tentate riforme finalizzate al rafforzamento dell'apparato istituzionale, e cessò la propria attività l'anno successivo, nella fase di dissoluzione dell'Unione Sovietica.

Il PCUS assunse la propria denominazione definitiva a partire dal 1952, mentre fino al 1918 si chiamò Partito Operaio Socialdemocratico Russo (bolscevico), in sigla POSDR(b), dal 1918 al 1925 Partito Comunista Russo (bolscevico), o PCR(b), e dal 1925 al 1952 Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico), o PCU(b).

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina

Voci di qualità

Le macchine da combattimento umanoidi multifunzione Evangelion (汎用人型決戦兵器 人造人間エヴァンゲリオン Hanyō jin gata kessen heiki jinzō ningen Evangerion?) — più comunemente note con le abbreviazioni Evangelion o Eva — sono dei mecha antropomorfi introdotti nella serie televisiva anime Neon Genesis Evangelion, prodotta dallo studio Gainax e diretta da Hideaki Anno, e nell'omonimo manga scritto e illustrato da Yoshiyuki Sadamoto. Oltre che nella serie animata originale, gli umanoidi compaiono in numerose opere derivate, in diversi manga spin-off, videogiochi, visual novel, nell'ONA Petit Eva - Evangelion@School e nella tetralogia cinematografica Rebuild of Evangelion.

Nella serie animata originale gli Evangelion sono dei giganteschi macchinari costruiti da un centro di ricerca chiamato Gehirn e dall'agenzia speciale Nerv allo scopo di combattere dei misteriosi esseri chiamati Angeli. I soggetti assegnati al pilotaggio di un Evangelion sono chiamati Children e vengono scelti da un organo chiamato Istituto Marduk. L'Eva-00 è pilotato da Rei Ayanami; lo 01 da Shinji Ikari; lo 02 da Asuka Sōryū Langley e Kaworu Nagisa, e lo 03 da Tōji Suzuhara. Ai primi quattro esemplari si aggiungono l'Eva-04, mai apparso nella serie animata e nel manga originali, e altre nove unità prive di pilota chiamate Mass Production Model introdotte nel film Neon Genesis Evangelion: The End of Evangelion.

Il loro design, ispirato ai demoni del folclore giapponese, causò diversi problemi durante la produzione della serie animata, per poi essere rivalutato nel corso degli anni dalla critica e dal pubblico ed essere usato per diversi articoli di merchandising.

Leggi la voce · Tutte le voci di qualità

Lo sapevi che...

L'Isola di North Sentinel (in hindi उत्तर सेंटीनेल द्वीप Uttar Senteenel dveep) è una delle isole Andamane nel golfo del Bengala. L'isola si trova a ovest della parte meridionale delle Andamane del sud, ed è il territorio di una tribù di indigeni, i sentinelesi che, spesso violentemente, rifiuta qualsiasi contatto con il mondo esterno. La tribù viene annoverata tra le ultime popolazioni in tutto il mondo a rimanere ancora virtualmente incontaminate dalla civiltà moderna. A causa di tale isolamento, sono note solo informazioni molto limitate sull'isola. Nominalmente, l'isola appartiene al distretto di Andaman Meridionale, parte del territorio indiano degli arcipelaghi di Andamane e Nicobare. In pratica le autorità indiane riconoscono il desiderio degli isolani di essere lasciati isolati e limitano il loro ruolo al monitoraggio remoto. Nel 2006 i sentinelesi uccisero due pescatori che pescavano illegalmente granchi del fango attorno all'isola. L'ancoraggio improvvisato della loro barca non era riuscito a impedire che venisse portata via dalle correnti mentre erano addormentati; così l'imbarcazione si spostò nei pressi delle rive dell'isola, dove i due uomini furono uccisi. Un elicottero della Guardia costiera indiana, inviato per recuperare i corpi, fu respinto dai guerrieri sentinelesi che scagliarono un nugolo di frecce.

Leggi la voce  · Proponi un'altra voce

Ricorrenze

Filippo II di Spagna

Nati il 13 settembre...
Cesare Borgia (1475)
Arnold Schönberg (1874)
Michael Johnson (1967)

... e morti
Andrea Mantegna (1506)
Filippo II di Spagna (1598)
Italo Svevo (1928)

In questo giorno accadde...
533Belisario sconfigge Gelimero e i vandali nella battaglia di Ad Decimum.
1743Gran Bretagna, Austria e Regno di Sardegna firmano il trattato di Worms.
1940 – Con l'invasione italiana dell'Egitto inizia la campagna del Nordafrica.
1968 – L'Albania esce dal Patto di Varsavia.
1994 – La sonda Ulysses oltrepassa il polo sud del Sole.

Ricorre oggi: la Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Giovanni Crisostomo, Maurilio di Angers e Venerio eremita.

Nelle altre lingue

Di seguito sono elencate le 10 versioni maggiori di Wikipedia e una selezione casuale di altre edizioni con un numero minore di voci:

Le 10 maggiori (al 13 settembre 2017): English (inglese) (5.476.293+) · Binisaya (cebuano) (5.275.986+) · Svenska (svedese) (3.788.647+) · Deutsch (tedesco) (2.100.117+) · Nederlands (olandese) (1.910.873+) · Français (francese) (1.908.129+) · Русский (russo) (1.420.410+) · Italiano (1 382 331) · Español (spagnolo) (1.353.725+) · Winaray (waray) (1.262.884+)

Dal mondo di Wikipedia: Čeština (ceco) · Српски (serbo) · ไทย (thailandese) · Brezhoneg (bretone) · বাংলা (bengalese) · Afrikaans (afrikaans) · Тоҷикӣ (tagico) · Yorùbá (yoruba) · Հայերեն (armeno) · Nouormand/Normaund (normanno) · Furlan (friulano) · ភាសាខ្មែរ (khmer) · faka Tonga (tongano) · Lojban (lojban) · Hak-kâ-fa (hakka) · Лимба молдовеняскэ (moldavo) · سنڌي ٻولي (sindhi) · Norfuk (norfuk) · Hausa (hausa)

Oltre Wikipedia

Wikipedia è gestita da Wikimedia Foundation, organizzazione senza fini di lucro che sostiene diversi altri progetti wiki dal contenuto libero e multilingue:

Commons
Risorse multimediali condivise
Wikiquote
Raccolta di citazioni
Wikizionario
Dizionario e lessico
Wikinotizie
Notizie a contenuto aperto
Wikispecies
Catalogo delle specie
Meta-Wiki
Progetto di coordinamento Wikimedia
Wikibooks
Manuali e libri di testo liberi scritti ex novo
Wikisource
Biblioteca di opere già pubblicate
Wikiversità
Risorse e attività didattiche
Wikidata
Database di conoscenza libera
Wikivoyage
Guida turistica mondiale

Wikipedia

Wikipedia è un'enciclopedia online, collaborativa e libera.

Grazie al contributo di volontari da tutto il mondo, Wikipedia è disponibile in oltre 280 lingue. Chiunque può contribuire alle voci esistenti o crearne di nuove, affrontando sia gli argomenti tipici delle enciclopedie tradizionali sia quelli presenti in almanacchi, dizionari geografici e pubblicazioni specialistiche.

I contenuti di Wikipedia sono protetti da una licenza libera, la Creative Commons CC BY-SA, che ne permette il riutilizzo per qualsiasi scopo adottando la medesima licenza.

Cosa posso fare?
  • Vuoi partecipare? Leggi le regole fondamentali e le altre linee guida, e rispetta la wikiquette; la registrazione è consigliata ma non obbligatoria.
  • Serve aiuto? Consulta le istruzioni e le domande frequenti (FAQ) o leggi dove fare una domanda; se ti sei appena registrato puoi richiedere l'assegnazione di un tutor.
  • Vuoi provare? Modifica la pagina di prova o segui il Tour guidato per imparare come scrivere una voce.
  • Vuoi fare una donazione? Wikipedia è completamente gratuita e priva di pubblicità grazie alle donazioni degli utenti. Aiutaci a migliorarla e a mantenerla libera con una donazione.
  • Cosa pensi di Wikipedia? Scrivi il tuo parere.

Chi fa Wikipedia?

La comunità di Wikipedia in lingua italiana è composta da 1 553 155 utenti registrati, dei quali 9 916 hanno contribuito con almeno una modifica nell'ultimo mese e 112 hanno funzioni di servizio. Gli utenti costituiscono una comunità collaborativa, in cui tutti i membri, grazie anche ai progetti tematici e ai rispettivi luoghi di discussione, coordinano i propri sforzi nella redazione delle voci.

Novità da Wikipedia

Voci nuove in evidenza:

Jean-Marie Benoît Balla · Fuori il Blizzard · Monti Khasi

Voci sostanzialmente modificate in evidenza:

Campionati mondiali di sci nordico 1991 · Look What You Made Me Do · Manlio Feruglio

Sono nati i portali:

Antica Siracusa · Cambogia · Femminismo · Ellenismo · Antico Egitto ·

il Wikipediano, notizie dalla comunità

Dagli altri progetti
Traduzione della settimana da Meta-Wiki

Questa settimana la voce da tradurre è:

(versione in italiano: Industria mineraria dell'Angola)

Citazione del giorno da Wikiquote

Le guerre appaiono inevitabili, lo appaiono sempre quando per anni non si è fatto nulla per evitarle.
Gino Strada

Immagine del giorno da Commons

Il castello di Okayama è un castello della città giapponese di Okayama, nella regione di Chūgoku. Costruito tra il 1573 e il 1597 nello stile del Periodo Azuchi-Momoyama, è stato distrutto dai combattimenti della Seconda guerra mondiale nel 1945 e ricostruito in cemento nel 1966. In contrapposizione con il candido vicino Castello di Himeji, il castello di Okayama è soprannominato, per il colore nero delle sue facciate, il "castello del corvo".

Ultime notizie da Wikinotizie
Rilettura del mese su Wikisource

Daniele Cortis
Antonio Fogazzaro, Milano, Casa Editrice Baldini, Castoldi & C., 1906

Destinazione del mese su Wikivoyage

Pskov

Città russa affascinante per il suo carattere tranquillo e accogliente. Nell'insieme, Pskov presenta tutto ciò che può interessare un turista: edifici di ogni epoca, ogni stile, parchi, musei...

La lezione del mese su Wikiversità

Tutti possono imparare o riapprendere nel modo più indipendente possibile con Wikiversità.
I materiali disponibili coprono più livelli di apprendimento e una vasta varietà di argomenti raggruppati per tematiche. E ciascuno possiede delle conoscenze che può trasmettere a chi legge. Anche tu.

Inizia subito ad apprendere e a insegnare su Wikiversità...

Wikipedia non dà garanzie sulla validità dei contenuti

Il progetto è ospitato dalla Wikimedia Foundation, che non può essere ritenuta responsabile di eventuali errori contenuti in questo sito.
Ogni contributore è responsabile dei propri inserimenti.

Sala stampa · Contatti · FAQ · Copyright · Wikipedia sul tuo sito · Citare Wikipedia · Not Italian? it-0? Click here!
This article is issued from Wikipedia. The text is licensed under Creative Commons - Attribution - Sharealike. Additional terms may apply for the media files.